domenica 19 luglio 2015

RACCOLTA DELLE RIVELAZIONI DI LUZ DE MARIA SUI TEMPI CHE VERRANNO:

III Guerra mondiale
La guerra é orchestrata dal potere in controllo con l'intenzione di ridurre la popolazione. Ho assistito ai piani di un gruppo di leader riuniti per progettare un attacco a sorpresa contro un paese loro alleato. L'Italia sarà determinante per l'evento che farà scattare il coinvolgimento delle potenze mondiali in una guerra. Terroristi arriveranno al vaticano. La piazza sarà piena di corpi. Oggi v'invito a pregare per il presidente degli Stati Uniti, affinché rifletta anche un solo istante e non dia origine a momenti spaventosi, scatenando una guerra sanguinosa e terribile.
Ho visto migliaia di persone correre, consumate dalla disperazione di fronte a un attentato a New York. Vi saranno attentati terroristici in Israele e stati uniti, una famosa statua (la statua della libertà?) sarà distrutta.
V'invito a pregare per Israele,perché non cada nella tentazione di conquistare il potere con la forza.
Tre leaders saranno assassinati, due di questi provengono dal mondo arabo, uno dall'Europa. Gli arabi si uniranno contro l'occidente.
 
L'intervento dell'occidente in medio oriente coinvolgerà Cina e Russia e questo provocherà una guerra.
La Cina manderà il suo esercito e la Russia si unirà al suo nemico per cercare di governare questa nazione di libertà. L’Italia sarà invasa. Una piaga uscirà dalla Russia e si spargerà in Europa come fuoco. Un esercito di uomini circonderà la sede in cui Mio figlio, il papa, siede per cercare di portare alla scomparsa la Mia Chiesa.
 
 
NWO Crisi economica
L'economia mondiale sarà motivo di una forte crisi in cui i lupi circonderanno le greggi e ne abuseranno, se la fede non sarà forte. Il Caos regnerà in seguito a un annuncio che sarà emanato a livello mondiale. Da est a ovest si diffonderà il caos mentre le monete crolleranno un governo dopo l'altro sotto i debiti da pagare.
Mentre i cambiamenti nella vostra valuta arrivano senza preavviso, vi troverete di essere dominati da un nemico straniero. Il tuo esercito combatterà contro se stesso e la confusione si moltiplicherà”. I Governanti saranno soppiantati dai seguaci di questa forza ostile, i paesi si vedranno sottomessi a un unico governo che si sta segretamente infiltrando in essi. La formazione di questo governo unico è già iniziata. L'elite controllerà ogni cosa.
 
Moneta globale
Nazioni conquisteranno altre nazioni e la moneta cambierà. Una nuova moneta globale sarà creata che richiederà un qualche tipo di impianto biologico. Il microchip è il completamento del grande sforzo che i potenti hanno portato avanti per controllare ogni passo dell’essere umano, con mezzi che rendessero più facile la vita, come le carte di credito e così via, senza rendersi conto che l’arrogante e potente mondo di ciò che è fugace e superfluo ha presso il sopravvento su tutti. L'impianto del microchip nell’uomo per controllarlo, ossia la sua disumanizzazione; la strategia dell'anticristo colpirà i veri fedeli, costringendoli a vivere in estrema povertà e a essere i nuovi martiri.
 
Dittatura mondiale
Il comunismo travestito di pace e alleanza predominerà. I Potenti leader dell'umanità alimentano i tentacoli dell’anticristo conferendogli potere affinché possa dominare i Miei figli.
I Governanti saranno soppiantati dai seguaci di questa forza ostile, i paesi si vedranno sottomessi a un unico governo che si sta segretamente infiltrando in essi. La formazione di questo governo unico è già iniziata. Una dittatura emergerà nel mondo, specialmente in Europa. Questa perseguiterà i cattolici. Inizialmente sarà proibito l'insegnamento della dottrina. Poi questa persecuzione diverrà brutale e includerà l'eliminazione fisica dei credenti. Il piano per sterminare l'umanità sarà fermato.
 
Anticristo
Manca solo l’istante della presentazione formale di colui che farà soffrire i Miei figli, come mai l’uomo ha sofferto prima d’ora.
A me è comparso un essere in forma umana, con la pelle abbronzata, lo sguardo penetrante, i capelli lisci, con bella presenza e con una forza d’attrazione tale che gli uomini non potevano fare a meno di seguirlo. Poi ho visto un enorme abisso e quell’essere dalla forma umana vi lanciava coloro che lo seguivano.
Apparirà un leader spirituale che sembrerà volere guidare l'umanità verso un nuovo tipo di spiritualità. Questo sarebbe l'anticristo. Questi promuoverà il marchio o chip.
Aspettate l'anticristo, che però vive già nel mondo e si sta impadronendo del tesoro di Mio Figlio: l'umanità, tentandola con ciò che è piacevole e facile, controllandola con mezzi tecnologici che le rendono la vita più facile. Il libero arbitrio si assoggetterà agli ordini di colui che ingannerà l’uomo, il figlio delle tenebre sarà innalzato con il consenso dei suoi seguaci.  Lo sfruttamento della dignità umana, la creazione dell’energia atomica, l’alterazione e la contaminazione degli alimenti, l’abuso della tecnologia, rappresentano alcuni di quei tentacoli che l’anticristo ha architettato da tempo per degradarvi. L’incredulità alimenta il male e gli conferisce i mezzi per attaccare senza pietà chi, rinunciando a Mio Figlio, si arrende a qualunque stratagemma del male lo raggiunga.
 
Missione dell’anticristo
La missione dell’anticristo è la sottomissione dell’uomo;  per questo motivo, prima di quanto immaginate il male affretterà i suoi piani per piegarvi, inizialmente tramite il cibo e la salute, per poi controllarvi totalmente una volta che avrete perso la volontà. Questa generazione non si attiene ai comandamenti e non vuole obbedire, bensì continuare a usufruire del libero arbitrio. L'umanità non si ferma, continua in modo inarrestabile, mostrando quasi un'unità imponente di fronte ai deboli, per sottometterli e soggiogarli alle idee diffuse dall'anticristo. L'anticristo è sempre più potente ogni volta che un essere umano diventa suo seguace.
 
Profeta positivo
Mio figlio invierà dall'alto una creatura che vi assisterà, vi guiderà e vi darà forza. Ascoltatela, perché nel bel mezzo della più grande persecuzione, sarà un conforto per ciascuno dei miei figli.
Un Mio portavoce vi assisterà pronunciando la Verità, ma non ora, bensì quando vi troverete nell'istante della grande purificazione.
 
Antipapa
Ora che il Mio amato e fedele vicario ha lasciato il vaticano, è iniziata una nuova tappa che porterà al compimento di tutte le profezie. Essi conoscono il terzo segreto che Mia Madre rivelò a Fatima, ma l’hanno trascurato per evitare di creare controversie nel Mio Popolo, che cammina alla cieca. Quando il male s'impadronirà del trono di Pietro, la Chiesa si spaventerà, i deboli e i vili fuggiranno da essa aggrappandosi ciò che offrirà loro sicurezza e benessere. Questo impostore ha già tramato affinché il mio popolo, sommerso dal peccato, non conosca la Mia Verità, diventi permissivo e tollerante nei confronti di quanto gli viene detto e accetti la chiusura delle Mie Chiese, dimenticandoMi e creando una generazione del male. Questi uomini saranno i persecutori dei Miei strumenti, si uniranno a coloro che, pur essendosi consacrati, hanno corrotto la Mia Verità abbracciando false ideologie e interessi malsani; dai loro pulpiti, essi si faranno beffe dei Miei strumenti fedeli, cercando di rendere vane le Mie Chiamate.
L'anticristo e i suoi seguaci rifiuteranno apertamente la Mia Presenza Reale nell'Eucaristia, il Mio Sacrificio, e aboliranno i Dogmi Mariani, negando la purezza di Mia Madre.
 
Disastri
I disastri climatici non hanno nulla a che fare con il riscaldamento globale.
Mi è stato mostrato il Giappone distrutto, l'Italia invasa e distrutta e i templi in rovina, il Vaticano tetro senza luce divina, la Spagna flagellata e l’Inghilterra ferita mortalmente. La grande cordigliera delle Ande tremerà. Gli Stati Uniti oscilleranno. Gli Uomini di scienza e chi li avrà divinizzati vedranno crollare le loro convinzioni  l'uomo ha fatto progressi tecnologici a scapito dell'umanità. Gli stessi progressi tecnologici saranno la causa della distruzione, del dolore e delle epidemie. Quando giungerà quel momento, quelli che hanno lavorato ai progressi tecnologici alzeranno gli occhi al cielo implorando il perdono di Mio Figlio.
 
Avvertimento/Fenomeno cosmico
Restate all'erta, guardate verso l'alto: "grandi segnali giungeranno dall'alto per voi". L'umanità vivrà un cambiamento spirituale, accompagnato da un mutamento proveniente dalle viscere della terra e dagli universi infiniti.
L’Avvertimento Sarà collegato a un fenomeno astrale, come due stelle che si scontreranno; Lo scontro di due giganti nello spazio porterà sofferenza agli uomini. Scorgerete una stella nell'alto del cielo che annuncerà  all'umanità che mio figlio sta per arrivare. Ci sarà uno squilibrio nella forza gravitazionale della terra, che attirerà il gigante che sta lontano. Si vedrà una grande luce anche in pieno giorno, qualcosa di simile al sole.
La grande cometa verrà e causerà grande distruzione. Verrà una cometa e farà tremare la terra. Due comete collideranno. il cielo cambierà di colore. L’urto tra due giganti nell’universo provocherà grandi danni alla terra. Comparirà una cometa che si avvicinerà alla terra; tutta l’umanità assisterà a questo evento e ciò farà sì che molte persone si accosteranno alla confessione per panico e non per pentimento.
Per diversi giorni, le persone di fede sentiranno la necessità di confessare i propri peccati, di pentirsi; gli altri diranno che  ciò è opera dell’uomo e si leveranno contro la chiesa cattolica, affermando che si tratta di uno stratagemma per spaventare l’umanità. Dovrete comparire davanti a Cristo e, prima di allora, ciascuno di voi sarà il giudice di se stesso.
E' necessario che sia Io Stesso a ricordare a chi trascina l'umanità nella dissolutezza che l'ha gettata nell'abisso per aver abusato della Mia Misericordia: vedrete in voi stessi, ognuno di fronte alla propria coscienza, questo sarà il Mio grande atto di Misericordia.
 
Tempistica
L'AVVERTIMENTO È così vicino a questa generazione! Questa è la generazione che sarà testimone del grande avvertimento. Queste apparizioni a Jacarei sono l'ultimo segno di Dio dato al mondo, l'ultimo avviso prima del grande avvertimento in arrivo, che scuoterà la coscienza di ogni essere umano;
Prima del grande avvertimento il papa fuggirà dal vaticano. L’avvertimento, cosmico e spirituale, non si farà aspettare e verrà attuato. Per lunghi anni, gli uomini saranno lontani dalla verità, ma un miracolo del Signore risveglierà nei loro cuori il desiderio di servire unicamente il Signore. Dio lo permetterà: tutti gli uomini vedranno i propri errori e, pentiti, torneranno a servire l’Unico e Vero Signore. Tre giorni dopo il grande miracolo avverrà, il trionfo definitivo del Mio Cuore Immacolato e la pace regnerà per sempre.
 
Croce
Restate all'erta, guardate verso l'alto: "grandi segnali giungeranno dall'alto per voi". Una grande croce rossa sarà vista in tutta la terra. Apparirà un segno nel cielo, “una croce” il Signore invierà. Gli uomini vedranno e durerà tre giorni. Molti diventeranno ferventi nella fede e la pace si stabilirà per il bene dei Miei poveri figli. 
 
"La croce sarà così luminosa che in pieno giorno sarà più splendente del sole; nella notte essa non si spegnerà, si allungherà ad una distanza immensa.... Una nube rossa e un rombo di tuono attraverserà tutto il cielo"
21 novembre 1912, messaggio di gesù a maria giulia jahenny, blain in francia
 
Le Stelle si scontreranno con tale impatto che l'uomo penserà che lo spettacolo che vede nel cielo sia catastrofico. Mentre queste comete si fondono un grande cielo rosso si manifesterà e il segno della Mia Croce sarà visto in tutto il mondo da ognuno.
 
" si spegnerà ogni luce in cielo e ci sarà una grande oscurità su tutta la terra. Allora apparirà in cielo il segno della croce"
1934, messaggio di gesù a santa faustina kowalska, polonia
 
Vedremo nel cielo una grande croce rossa in una giornata di cielo sereno, senza nuvole. Questa croce verrà vista da tutti"
11 settembre 1987, resoconto scritto da fra’ david lopez sulle rivelazioni della madonna da lui ricevute a medjugorje
 
Effetti avvertimento
Durante questo periodo tutta l'umanità, tutti coloro con più di sette anni  attraverserà una sorta di visione dei propri sbagli. La presenza del Divino sarà percepita da ognuno. Con l’avvertimento ciascuno di voi si troverà di fronte a Me in vita e sarà guardato senza maschere, ogni uomo saprà che Dio esiste. Coloro che non sono preparati spiritualmente potrebbero morire di fronte alla loro visione.
L’Avvertimento Sarà collegato a un fenomeno astrale, come due stelle che si scontreranno; questo fenomeno non produrrà danno fisico ma ci spaventerà, perché in quel preciso istante vedremo nelle nostre anime il danno da noi stessi provocato; sarà come essere agonizzanti, ma non moriremo per questo, anche se potremmo morire di terrore o per l’effetto che produrrà in noi guardarci nell’anima.
"Strapperò il velo dell'ignominia e della negazione, con l’avvertimento. Ciascuno di voi si troverà di fronte a Me in vita e sarà guardato senza maschere, ogni uomo saprà che Dio esiste. Vedrete Dentro voi stessi e in quel momento rimpiangerete di non aver creduto, ma molti dei miei figli si saranno già perduti e non potranno essere recuperati tanto facilmente, perché l'empio negherà l'avvertimento e lo attribuirà alla nuova tecnologia. "
"Si udiranno pianti e pentimenti, ma si assisterà anche all'indifferenza da parte di coloro che vogliono continuare a rimanere sommersi dalle tenebre, e chi s'immergerà in queste nostre parole per trovarvi qualche discordanza con la scrittura, troverà tanta luce che diverrà cieco."
"L’annuncio dell’Avvertimento è causa di divertimento per alcune creature umane, ma questa, figli, è la verità, come verità è la Parola di Mia Madre che proclama i Dettami Trinitari.  Quando verrà il momento, coloro che si sono burlati di questo Decreto Divino si sentiranno consumare dal loro stesso peccato. Li abbiamo chiamati affinché si rendessero consapevoli della serietà del momento in cui si stanno muovendo. Ma come coloro che si burlarono di Noè, allo stesso modo essi soffriranno. "
L’avvertimento, cosmico e spirituale, non si farà aspettare e verrà attuato. Esorto i Miei fedeli sacerdoti a richiamare i loro greggi affinché riflettano per riconoscere ed evitare con attenzione il peccato che prostra, schiavizza e porta alla morte eterna.
Questo fenomeno non produrrà danno fisico ma ci spaventerà, perché in quel preciso istante vedremo nelle nostre anime il danno da noi stessi provocato; sarà come essere agonizzanti, ma non moriremo per questo, anche se potremmo morire di terrore o per l’effetto che produrrà in noi guardarci nell’anima.
 
Molti moriranno all'avvertimento
Sembrerà che il cielo si infiammi, i corpi di molti sembreranno ardere quando si vedranno passare davanti tutta una vita vissuta senza Dio, il male che hanno fatto, il bene che avrebbero potuto fare e non fecero per mala volontà o tiepidezza... Nel momento in cui l'anima vedrà la sua vita, la sua stessa esistenza come la vede Dio, molti moriranno arsi da queste fiamme della giustizia divina che illuminerà le anime di tutti gli uomini in una sola volta e tutti insieme.  Guai all'anima tiepida, sorda alla Mia Voce! Guai a quell'anima che sapeva quello che chiedevo e non lo ha fatto. Queste anime subiranno una disperazione così grande come non è mai stata da quando esiste il mondo. Quindi vi chiedo, figlioli, di liberarvi del grande dolore che i peccatori soffriranno in se stessi in quel momento, vivete una vita santa..." 
"è molto vicino il grande avvertimento che manderò a tutta la terra. Nessun anima, nessun essere umano sfuggirà a questo avvertimento: scuoterà le coscienze, sarà come un piccolo giudizio sulla vostra vita, come passare attraverso il giudizio particolare dopo la morte. Tutti potranno vedere la loro vita, ognuno vedrà tutta la sua vita non con i propri occhi, ma con gli occhi di Dio, come la vede Dio, come Dio vede i vostri peccati. Tutti vedranno il male fatto o il bene non fatto, e per ogni male, per ogni peccato commesso, soffriranno; soffriranno il peso della Mia Giustizia, il peso schiacciante del Mio dolore, dolore causato dai vostri peccati, dal bene che avreste potuto fare e che non avete fatto, perché cercavate solo la soddisfazione della vostra volontà, i vostri interessi, i vostri piaceri. Soffrirete per il dolore causato al Mio Cuore e al Cuore di Mia Madre. Sentirete il dolore causato dai vostri peccati, il peso della responsabilità delle vostre azioni, sentirete il grande rammarico che i vostri peccati hanno causato a Me e a Mia Madre e che ci hanno fatto versare tante lacrime di sangue. E questo peso per molti sarà così schiacciante che alcuni non resisteranno e moriranno, non per il dolore fisico, ma un dolore spirituale, dell'anima, che è così forte che a molti può dare la morte. Questo avvertimento, che è molto vicino a voi, figli Miei, arriverà presto, scuoterà la terra; dopo di esso nessun uomo più disconoscerà la Verità, tutti sapranno Chi Sono, tutti sapranno la Verità, tutti sapranno del "sì" che Mi dovrebbero dare. Ma poiché ancora molti non cambieranno, ancora non Mi diranno il loro "sì", ma lo diranno a se stessi e al mondo del peccato, allora manderò il miracolo; Sarà l'ultima àncora di salvezza che getto al mondo intero e se ancora non Mi risponderanno, allora manderò il castigo. Castigo che sarà il peggiore mai visto dall'umanità ingrata e peccatrice."
"ognuno vedrà tutti i peccati della sua vita passata senza Dio e molti sentiranno un tale orrore dei propri peccati che preferirebbero non esser nati. Molte di queste persone lo vedranno come un fuoco ardente, un fuoco tanto terribile come l'inferno, ma non un fuoco naturale: il fuoco della Verità, il fuoco dello Spirito Santo, il fuoco della Divina Giustizia, che mostrerà i loro peccati come li vede Dio e queste persone, queste anime, bruceranno, sentiranno un dolore dentro molto peggiore che se fossero a bruciare in una fornace ardente.
 
I tre giorni di buio/Differenza fra avvertimento e tre giorni di buio
Quanti forniranno spiegazioni scientifiche, una volta passato l’avvertimento...e continueranno nel male! Allora Sarà necessario un nuovo avvertimento, affinché l’uomo non si perda più. Non confondete, nostri amati, l'avvertimento che sta per essere fatto con quello che già conoscete, con i tre giorni d'oscurità rivelati a vari profeti e mistici. Non disorientate né confondete il popolo, siate cauti, non possiamo nascondervi la verità.
 
Sequenza eventi
Un grande avvertimento sta per arrivare sulla terra, e dopo l’avvertimento voi vedrete un diluvio di fuoco che cadrà sulle vostre teste. Dopo la Mia Croce Gloriosa, che risplenderà su tutto il mondo.
(Quindi prima arriva l'avvertimento, successivamente i tre giorni di buio e infine il nuovo mondo). Fuoco cadrà dal cielo e molte regioni della terra saranno raggiunte. il cielo cambierà di colore. L'oro sarà nelle altezze, le fiamme attraverseranno i cieli.  La Terra si muoverà a grande velocità, tanto da uscire dalla propria orbita e dal proprio asse. Si allontanerà talmente dall'astro del sole da immergersi nell'oscurità per diversi giorni e il dolore e i lamenti si udiranno fuori dalla terra e fin nelle sue viscere. L'orologio scorre veloce, ma non è il tempo che comanda, è l’umanità che vive senza tempo, vicino al sole, che sarà oscuro e la luna opaca. Le stelle, la luna e il sole non smetteranno di risplendere, ma l'uomo non potrà vederli a causa dell’oscurità che scenderà sulla terra. [Alla fine] Le nuvole nere si dissolveranno e il sole splenderà nuovamente per i Miei figli.
 
Il sole
L'astro del sole sarà motivo di allarme per gli uomini.
Se il sole smetterà di risplendere non lo avrete deciso voi, sarà in virtù del mio potere e non di quello dell'uomo. L'astro del sole, con il suo calore, si avvicinerà a voi provocando disperazione, vi renderete conto che ciò che chiamavate scienza non serve a nulla, perché solo in Mio Figlio esiste il potere della vera scienza. Presto il sole causerà dolore a tutta l'umanità.
Il sole continua a produrre segnali per avvisarvi del subitaneo compimento degli avvertimenti che vi ho dato. Il Sole si è risvegliato e rivendica la Terra per liberarla da questa generazione decadente che la fa soffrire.  Di fronte a tanta negatività umana, il sole ha deciso di mettersi all’opera a scapito dell’uomo entro breve tempo. L’uomo subirà un regresso tecnologico inimmaginabile e sarà di nuovo costretto a utilizzare strumenti rudimentali. L'astro del sole sarà motivo di allarme per gli uomini.
Presto il sole causerà dolore a tutta l'umanità. il sole scaglierà inaspettatamente il suo fuoco provocando grande sventura sulla terra. 
L'astro del sole, nel suo desiderio amoroso di purificare ciò che gli appare come contaminato, emanerà la sua forza, il suo calore, il suo fuoco e riporterà indietro l'umanità all'infinito. Che cosa farete, figli, quando vedrete, quando sentirete di non disporre più di alcun progresso tecnologico in tutti i settori? ho Visto un popolo afflitto dal sole inclemente e unito agli attacchi del male che indeboliscono l'uomo, lo portano a unirsi o a separarsi... 
 
Messaggio degli angeli riguardante il sole 
" Il sole e la terra, la luna e la terra sono correlate. La madre terra è in relazione assoluta con il sole e la luna, che esercitano influenze maggiori di quelle che lo stesso uomo di scienza è riuscito a scoprire fino ad ora.
L'effervescenza Del sole, le sue esplosioni provocate da un'energia sconosciuta all'uomo, influenzano il livello di crescita dell'aggressività negli uomini, a seguito della stessa aggressività con cui gli uomini hanno trattato la terra. L'umanità riceve il frutto della dIstruzione di ciò che ha ricevuto per il suo bene.
Il magnetismo esercitato dal sole influenza l'uomo e lo farà retrocedere inesorabilmente a tutti gli effetti; la scienza di cui l'uomo si vanta nulla potrà contro le esplosioni solari che si verificheranno con maggiore forza.
 
Fine dei tre giorni
Le nuvole nere si dissolveranno e il sole splenderà nuovamente per i miei figli.
Dopo la purificazione verrà la gloria, il sole rinascerà e risplenderà su tutto il creato e Mio Figlio regnerà su ogni creatura, in cielo, in terra e in ogni luogo.
Dopo il buio, dopo la purificazione, il sole del Mio Amore brillerà per tutti voi, non dovrete più soffrire, il dolore sarà solo un ricordo.
 
Esseri celesti in arrivo
Quanta purificazione prima della Mia Seconda Venuta! Quanto dovrete essere purificati prima di meritare l'aiuto dei vostri fratelli celesti!  i Miei Messaggeri Celesti, vostri compagni, vi assistono senza che voi vi rendiate conto della realtà in cui vivete.  Ho visto un gran numero di anime fedeli che tenevano le mani angeliche di coloro che hanno accompagnato il Cristo nostro Signore, quei nostri compagni di cammino ignorati dall'umanità, che sono la nostra benedizione.
Siamo accanto a voi da sempre, abbiamo contribuito alla storia della salvezza e accorreremo per aiutarvi quando il sole non brillerà più. Allora la vostra meraviglia sarà totale per non aver creduto alla nostra esistenza per il bene dell'umanità.

(dal sito: imitazione di Cristo)

Leggete assolutamente anche queste pagine:
- Elisabetta -

lunedì 14 luglio 2014

PROFEZIE DELLA BEATA EMMERICK

Per molti cattolici, la figura di Anna Katharina Emmerick (1774-1824) beatificata dal papa Giovanni Paolo II nel 2004, è essenzialmente legata al famosissimo film dell’attore regista australiano Mel Gibson “La Passione di Cristo”, la cui sceneggiatura è in buona parte, per gli aspetti non tratti ovviamente dai vangeli canonici, basata sulle visioni attribuite alla monaca agostiniana tedesca. La beata nacque l’8 settembre 1774 da una famiglia di contadini e non poté frequentare regolarmente la scuola, dovendo lavorare nei campi e aiutare in casa. Sin dalla più tenera età ebbe un profondo desiderio di consacrarsi a Dio nella vita religiosa. Come accadeva a quell’epoca, diverse congregazioni di suore la rifiutarono perché non  aveva a disposizione la necessaria dote economica per entrare in monastero. Solo nel 1802 venne finalmente accolta nel monastero delle Agostiniane di Agnetenberg presso Dulmen e l’anno seguente prese i voti religiosi. Quando nel 1811, il monastero venne soppresso, la Emmerick fu accolta a Dolmen come domestica del sacerdote Lambert che era fuggito dai terrori della Francia rivoluzionaria.

Dopo poco tempo, ella cominciò a sperimentare i dolori della Passione di Cristo e ricevette la stimmate. Presto si diffuse la voce dei suoi doni soprannaturali: assenza di alimentazione, conoscenza dei cuori umani, riconoscimento delle reliquie dei santi, conoscenza delle erbe medicinali, dei misteri biblici della fede, partecipazione con lo spirito nell’aldilà, comunione con le povere anime del purgatorio e molte persone cominciarono a farle visita, ricevendone insegnamenti e gesti di benevolenza.

Dal 1819 fino al giorno del suo trapasso, nel 1824, le visioni della Emmerick furono dettate da lei stessa al poeta romanticista Clemens Brentano, che poi si convertì sinceramente al Cattolicesimo, il quale sedette quasi interrottamente al capezzale dell’estatica e annotò attentamente in sedicimila grandi fogli i suoi racconti biblici e le contemplazioni mistiche, paragonabili in qualche modo a quelle di Maria De Agreda (1602-1655) o della più recente Teresa Neumann (1898-1962).

L’enorme materiale raccolto e poi ordinato dal poeta, fu pubblicato, in parte postumo, tra il 1858 e 1860,in tre opere principali. Complessivamente l’opera completa curata dal poeta, consta di sei volumi, di cui quattro sulla vita e la passione di Cristo, uno sulla vita della Madonna e uno sull’Antico Testamento.  Riguardo ai tempi finali la monaca agostiniana ha lasciato diverse sconcertanti dichiarazioni. Già più di due secoli fa la beata Caterina Emmerich  preannunciava che  la liberazione di satana sarebbe avvenuta poco prima dell’anno 2000 dichiarando “Mi è stato anche detto che Lucifero verrà liberato per un certo periodo cinquanta o sessanta anni prima dell’anno di Cristo 2000. Mi vennero indicate le date di molti altri eventi che non riesco a ricordare; ma un certo numero di demoni dovranno essere liberati molto prima di Lucifero, in modo che tentino gli uomini e servano come strumenti della giustizia divina”. “Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola…

Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto…C’erano solo divisioni e caos. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda…” (12 settembre 1820). “Vidi cose deplorevoli: stavano giocando d’azzardo, bevendo e parlando in chiesa; stavano anche corteggiando le donne. Ogni sorta di abomini venivano perpetrati là. I sacerdoti permettevano tutto e dicevano la Messa con molta irriverenza. Vidi che pochi di loro erano ancora pii, e solo pochi avevano una sana visione delle cose. Tutte queste cose diedero tanta tristezza” (27 settembre 1820). “Poi vidi che tutto ciò che riguardava il Protestantesimo stava prendendo gradualmente il sopravvento e la religione cattolica stava precipitando in una completa decadenza. La maggior parte dei sacerdoti erano attratti dalle dottrine seducenti ma false di giovani insegnanti, e tutti loro contribuivano all’opera di distruzione.

In quei giorni, la Fede cadrà molto in basso, e sarà preservata solo in alcuni posti, in poche case e in poche famiglie che Dio ha protetto dai disastri e dalle guerre” (1820) “Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione” (22 aprile 1823). “Ho visto di nuovo la strana grande chiesa. Non c’era niente di santo in essa.

Ho visto anche un movimento guidato da ecclesiastici a cui contribuivano angeli, santi ed altri cristiani. [Nella strana chiesa] C’era qualcosa di orgoglioso, presuntuoso e violento in tutto ciò, ed essi sembravano avere molto successo. Sullo sfondo, in lontananza, vidi la sede di un  popolo crudele armato di lance, e vidi una figura che rideva, che disse: “Costruitela pure quanto più solida potete; tanto noi la butteremo a terra” (12 settembre 1820). “Fra le cose più strane che vidi, vi erano delle lunghe processioni di vescovi. Le loro colpe verso la religione venivano mostrate attraverso delle deformità esterne” (1 giugno 1820). “La Messa era breve. Il Vangelo di San Giovanni non veniva letto alla fine” (12 luglio 1820). (Fino alla riforma liturgica del 1967, la Santa Messa si concludeva con la lettura del Prologo del vangelo di Giovanni. Le profezie della santa si riferiscono quindi al periodo successivo al 1967). “Vidi la Chiesa di San Pietro in rovina, e il modo in cui tanti membri del clero erano essi stessi impegnati in quest’opera di distruzione – ma nessuno di loro desiderava farlo apertamente davanti agli altri. Gesù mi dice che la Chiesa sembrerà in completo declino. Ma sarebbe risorta” (4 ottobre 1820). “Vidi ancora una volta la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando… Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa. Vidi un Papa che era mite e al tempo stesso molto fermo/…/ Vidi un grande rinnovamento e la Chiesa che si liberava in alto nel cielo”. “La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare affinché il Papa non lasci Roma; ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse. Ora stanno pretendendo qualcosa da lui.

La dottrina protestante e quella dei greci scismatici devono diffondersi dappertutto. Ora vedo che in questo luogo la Chiesa viene minata in maniera così astuta che rimangono a mala pena un centinaio di sacerdoti che non siano stati ingannati. Tutti lavorano alla distruzione, persino il clero.

Si avvicina una grande devastazione” (1 ottobre 1820). “Mentre attraversavo Roma con San Francesco e altri santi, vedemmo un grande palazzo avvolto dalle fiamme, ma mentre ci avvicinavamo il fuoco diminuì e noi vedemmo un edificio annerito. Finalmente raggiungemmo il Papa. Era seduto al buio e addormentato su una grande poltrona: era molto ammalato e debole; non riusciva più a camminare. Gli ecclesiastici nella cerchia interna sembravano insinceri e privi di zelo; non mi piacevano.

Parlai al Papa dei vescovi che presto dovevano essere nominati. Gli dissi anche che non doveva lasciare Roma. Se l’avesse fatto sarebbe stato il caos. Egli pensava che il male fosse inevitabile e che doveva partire per salvare molte cose…

Era molto prospero a lasciare Roma e veniva esortato insistentemente a farlo. La Chiesa è completamente deserta. Sembra che tutti stiano scappando. Dappertutto vedo grande miseria, odio, tradimento, rancore, confusione, e una totale cecità. O città! O città! Cosa ti minaccia? La tempesta sta arrivando; sii vigile! (7 ottobre 1820). “Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente” (10 agosto 1820).

“Il Santo Padre, immerso nel suo dolore, è ancora nascosto per evitare le incombenze pericolose. Ora può fidarsi solo di poche persone; è principalmente per questa ragione che deve nascondersi. Ma ha ancora con sé un anziano sacerdote di grande semplicità e devozione.

Egli è suo amico, e per la sua semplicità non pesavano valesse la pena toglierlo di mezzo.. Ma quest’uomo riceve molte grazie da Dio. Vede e si rende conto di molte cose che riferisce fedelmente al Santo Padre. Mi veniva chiesto di informarlo, mentre stava pregando, sui traditori e gli operatori di iniquità che facevano parte delle alte gerarchie dei servi che vivevano accanto a lui, così che egli potesse avvedersene”. “Vidi quanto sarebbero state nefaste le conseguenze di questa falsa chiesa.

L’ho veduta aumentare di dimensioni; eretici di ogni tipo venivano nella città [di Roma].

Il clero locale diventava tiepido, e vidi una grande oscurità… Allora la visione sembrò estendersi da ogni parte. Intere comunità cattoliche erano oppresse, assediate, confinate e private della loro libertà. Vidi molte chiese che venivano chiuse, dappertutto grandi sofferenze, guerre e spargimento di sangue. Una plebaglia selvaggia e ignorante si dava ad azioni violente. Ma tutto ciò non durò a lungo” (13 maggio 1820). “Ho avuto un’altra visione della grande tribolazione. Mi sembrava che si pretendesse dal clero una concessione che non poteva essere accordata. Vidi molti sacerdoti anziani, specialmente uno, che piangevano amaramente. Anche alcuni più giovani stavano piangendo. Ma altri (e i tiepidi erano fra questi) facevano senza alcuna obiezione ciò che gli veniva chiesto.

Era come se la gente si stesse dividendo in due fazioni” (12 aprile 1820). “Vidi un’apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande. Aggiunse che queste persone devono pregare ferventemente…Devono pregare soprattutto perché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma” (25 agosto 1820). “Vidi la Chiesa di San Pietro: era stata distrutta ad eccezione del Santuario e dell’Altare principale (10 settembre 1820).

“Vedo altri martiri, non ora ma in futuro… Vidi le sette segrete minare spietatamente la grande Chiesa. Vicino ad esse vidi una bestia orribile che saliva dal mare. (Ap 13,1). In tutto il mondo le persone buone e devote, e specialmente il  clero, erano vessate, oppresse e messe in prigione.

Ebbi la sensazione che sarebbero diventate martiri un giorno. Quando la Chiesa per la maggior parte era stata distrutta e quando solo i santuari e gli altari erano ancora in piedi, vidi entrare nella Chiesa i devastatori con la Bestia.

Là essi incontrarono una donna di nobile contegno che sembrava portare nel suo grembo un bambino, perché camminava lentamente. A questa vista i nemici erano terrorizzati e la Bestia non riusciva a fare neanche un altro passo in avanti. Essa proiettò il suo collo verso la Donna come per divorarla, ma la Donna si voltò e si prostrò, con la testa che toccava il suolo. Allora vidi la Bestia che fuggiva di nuovo verso il mare, e i nemici stavano scappando nella più grande confusione” (Agosto –ottobre 1820).

“Verranno tempi molto cattivi, nei quali i non cattolici svieranno molte persone. Vidi anche la battaglia. I nemici erano molto più numerosi, ma il piccolo esercito di fedeli ne abbatté file intere [di soldati nemici]. Durante la battaglia, la Madonna si trovava in piedi su una collina, e indossava un’armatura. Era una guerra terribile. Alla fine, solo pochi combattimenti per la giusta causa erano sopravvissuti, ma la vittoria era la loro” (22 ottobre 1822).

“Vidi, in grande lontananza, grandiose legione che si avvicinavano. Davanti a tutti vidi un uomo su un cavallo bianco (Ap 19,11-21?). I prigionieri venivano liberati e si univano a loro. Tutti i nemici venivano inseguiti. Allora, vidi che la Chiesa veniva prontamente ricostruita, ed era magnifica più di prima” (Agosto – ottobre 1820). “Vidi un nuovo Papa che sarà  molto rigoroso. Egli si alienerà i vescovi freddi e tiepidi. Non è un romano, ma è italiano . Proviene da un luogo che non è lontano da Roma. Ma per qualche tempo dovranno esserci ancora molte lotte e agitazioni(27 gennaio 1822). “Vorrei che fosse qui il tempo in cui regnerà il Papa vestito di rocco. Vedo gli apostoli, non quelli del passato ma gli apostoli degli ultimi tempi e mi sembra che il Papa sia fra loro”.

“Gli ebrei ritorneranno in Palestina e diverranno cristiani verso la fine del mondo”.


(da: miliziadisanmichelearcangelo.org)

IL BAMBINO IN BRACCIO A GESU'

E’ il 2003. Il 4 luglio – festa nazionale negli Stati Uniti – una normale famiglia americana che vive nel Nebraska, a Imperial, paesino agricolo che ha appena “duemila anime e neanche un semaforo”, sta stipando di bagagli una Ford Expedition blu.

I Burpo partono verso Nord per andare a trovare lo zio Steve, che vive con la famiglia a Sioux Falls, nel South Dakota (hanno appena avuto un bambino e vogliono farlo vedere ai parenti).

L’auto blu imbocca la Highway 61. Alla guida c’è il capofamiglia Todd Burpo, accanto a lui la moglie Sonja e nel sedile posteriore il figlio Colton, di quattro anni, con la sorellina Cassie.

Fanno rifornimento a una stazione di servizio nel paese dove nacque il celebre Buffalo Bill prima di affrontare immense distese di campi di granoturco.

E’ la prima volta, in quattro mesi, che i Burpo si concedono qualche giorno di ferie dopo lo scioccante vicenda che hanno vissuto il 3 marzo di quell’anno.

Il piccolo Colton quel giorno aveva cominciato ad avere un forte mal di pancia. Poi il vomito. Stava sempre peggio finché i medici fecero la loro diagnosi: appendice perforata.

Fu operato d’urgenza a Greeley, in Colorado. Durante l’operazione la situazione sembrò precipitare: “lo stiamo perdendo! Lo stiamo perdendo!”.

Il bambino era messo molto male e passò qualche minuto assai critico. Poi però si era ripreso. Per il babbo e la mamma era stata un’esperienza terribile. Lacrime e preghiere in gran quantità come sanno tutti coloro che son passati da questi drammi.


IN CIELO

Dunque, quattro mesi dopo, il 4 luglio, la macchina arriva a un incrocio. Il padre Todd si ricorda che girando a sinistra, a quel semaforo, si arriva al Great Plains Regional Medical Center, il luogo dove avevano vissuto la scioccante esperienza.

Come per esorcizzare un brutto ricordo passato il padre dice scherzosamente al figlio: “Ehi, Colton, se svoltiamo qui possiamo tornare all’ospedale. Che ne dici, ci facciamo un salto?”.

Il bambino fa capire che ne fa volentieri a meno. La madre sorridendo gli dice: “Te lo ricordi l’ospedale?”.

Risposta pronta di Colton: “Certo, mamma, che me lo ricordo. È dove ho sentito cantare gli angeli”.

Gli angeli? I genitori si guardano interdetti. Dopo un po’ indagano.

Il bimbo racconta con naturalezza i particolari: “Papà, Gesù ha detto agli angeli di cantare per me perché avevo tanta paura. Mi hanno fatto stare meglio”.

“Quindi”, domanda il padre all’uscita del fast food, “c’era anche Gesù?”. Il bimbo fece di sì con la testa “come se stesse confermando la cosa più banale del mondo, tipo una coccinella in cortile. ‘Sì, c’era Gesù’ ”.

“E dov’era di preciso?”, domandò ancora il signor Burpo. Il figlio lo guardò dritto negli occhi e rispose: “Mi teneva in braccio”.

I due genitori allibiti pensano che abbia fatto un sogno nel periodo di incoscienza. Ma poi vacillano quando Colton aggiunge: “Sì. Quando ero con Gesù tu stavi pregando e la mamma era al telefono”.

Alla richiesta di capire come fa lui, che in quei minuti era in sala operatoria in stato di incoscienza, a sapere cosa stavano facendo i genitori, il bambino risponde tranquillamente: “Perché vi vedevo. Sono salito su in alto, fuori dal mio corpo, poi ho guardato giù e ho visto il dottore che mi stava aggiustando. E ho visto te e la mamma. Tu stavi in una stanzetta da solo e pregavi; la mamma era da un’altra parte, stava pregando e parlava al telefono”.

Era tutto vero. Così come era vero che la mamma di Colton aveva perduto una figlia durante una gravidanza precedente.

Colton, che era nato dopo, non l’aveva mai saputo, ma quella sorellina lui l’aveva incontrata in cielo e lei gli aveva spiegato tutto. Sconvolgendo i genitori: “Non preoccuparti, mamma. La sorellina sta bene. L’ha adottata Dio”. Di lei il ragazzo dice: “non la finiva più di abbracciarmi”.


STUPORE E CLAMORE

Comincia così, con la tipica semplicità dei bambini che raccontano cose eccezionali come fossero normali, una storia formidabile che poi il padre ha raccontato in un libro scritto con Lynn Vincent, “Heaven is for Real” (tradotto dalla Rizzoli col titolo “Il Paradiso per davvero”).

E’ da questo libro – che negli Stati Uniti è stato un best-seller – che vengono queste notizie. All’uscita, nel 2010, conquistò la prima posizione nella top ten del “New York Times” e subito dopo dalla storia di Colton è stato tratto un film che è appena arrivato in Italia (dal 10 luglio), sempre col titolo “Il Paradiso per davvero”.

Il film, col marchio Tristar, è diretto da Randall Wallace (lo sceneggiatore di Braveheart) e negli Stati Uniti ha avuto un grande successo.

Può anche essere che da noi sia un flop perché gli americani hanno una sensibilità religiosa molto più profonda di quella europea (il caso americano smentisce il paradigma della sociologia moderna secondo cui la religiosità declinerebbe quanto più aumenta la modernizzazione).

La storia (vera) del piccolo Colton peraltro è una tipica esperienza di pre-morte, cioè un fenomeno che l’editoria e la cinematografia americana in questi anni hanno scoperto e raccontato molto. Anche perché i maggiori istituti di sondaggio Usa hanno scoperto che si tratta di un’esperienza estremamente diffusa.


UN FENOMENO ENORME

Ne ho parlato nel mio ultimo libro, “Tornati dall’Aldilà”, perché negli ultimi quindici anni la stessa medicina ha studiato approfonditamente questi fenomeni scoprendo che non sono affatto da considerarsi allucinazioni, ma sono esperienze reali, vissute da persone in stato di morte clinica.

Gli studiosi (io ho citato specialmente i risultati di un’équipe olandese) si sono trovati a dover constatare che la coscienza (anzi una coscienza allargata, più capace di capire) continua a vivere fuori dal corpo anche dopo che le funzioni vitali del corpo e del cervello sono cessate.

E’ quella che – con linguaggio giornalistico – ho chiamato “la prova scientifica dell’esistenza dell’anima”. Questi stessi studiosi, con le loro analisi scientifiche, concludono che non si possono spiegare queste esperienze se non ricorrendo alla trascendenza.

Mi sono imbattuto personalmente in questo mistero con la vicenda di mia figlia e mi sono reso conto, dopo aver pubblicato il mio libro, che tanto grande è l’interesse popolare, della gente comune, quanto impossibile è in Italia una discussione sui giornali (o in altre sedi) fra intellettuali e studiosi, su questi fenomeni.

C’è letteralmente paura di guardare la realtà. La nostra è la cultura dello struzzo, quello che mette la testa dentro la sabbia per non vedere qualcosa che non vuole vedere.

C’è come una censura sull’Aldilà e – in fondo – sul nostro destino eterno: “Tutto cospira a tacere di noi/ un po’ come si tace un’onta/ forse un po’ come si tace/ una speranza ineffabile” (Rilke).

Ma paradossalmente la censura sull’Aldilà (e specialmente sull’Inferno) c’è anche in un certo mondo cattolico che ha adottato “la sociologia come criterio principale e determinante del pensiero teologico e dell’azione pastorale” (Paolo VI).

Così accade che, paradossalmente, la scienza è arrivata a constatare il soprannaturale, in questi fenomeni, prima del mondo ecclesiastico e teologico.

Eppure la Vita oltre la vita sarebbe l’unica cosa davvero importante. La sola degna di meditazione. E’ il grande conforto nel dolore della vita. E’ stata la grande meta dei santi.

Forse bisogna aver assaporato proprio il dolore della vita e della morte per capire. Per avere questo sguardo e questa saggezza. Per lasciarsi consolare dalla Realtà di quell’abbraccio di felicità.

Eric Clapton, alla tragica morte del suo bimbo, scrisse una canzone struggente, “Tears in Heaven”, dove fra l’altro diceva: “Oltre la porta c’è pace ne sono sicuro/ E lo so non ci saranno più lacrime in Paradiso”.


(da: antoniosocci.com)

lunedì 23 giugno 2014

DIALOGHI FRA ESORCISTA E DEMONIO

 Estratti dagli scritti di Fra Benigno Palilla, Padre Matteo La Grua ed il libro “Fratello Esorcista”.

Dialogo tra esorcista e demonio

Più volte il demonio si arrabbia e si lamenta perché durante gli esorcismi soffre molto.
Prontamente gli dico: “È proprio quello che voglio: quando sarai stanco di soffrire, tornerai nella Gehenna dove ti ha mandato il Signore”.
Mi risponde: “Oh no, io rimango qui perché io sono più forte di te. Tu creperai, ma io no, perché sono eterno. E poi all’inferno si soffre molto di più e si litiga, ci si odia l’un l’altro. Qui sto meglio, mi diverto. Tu fai soffrire me e io faccio soffrire lui; più fai soffrire me, più faccio soffrire lui (il ragazzo posseduto)”.
A questo punto gli dico: “Tu dici di essere il principe dei demoni, dunque sei Lucifero! Non è vero, sei falso, devi obbedire e star qui come un cane a catena. Dov’è la tua forza, la tua libertà?
Mi risponde: “No no, sono libero, sono io che voglio stare qui perché sto meglio e non posso andarmene perché mi hanno venduto l’anima di questo ragazzo”.
Gli dico: “E io continuerò a bastonarti con le preghiere, con le benedizioni finché il Signore ti manderà via; e tu obbedirai”.
Il diavolo mi risponde: “Prete, ti sbagli, io non ho mai obbedito e starò qui perché sono più forte di te, sono il più forte. Prete, non hai altro da fare? Qui con me perdi il tempo? Pretucolo, non vali niente. Cos’hai fatto di bello nella vita? Niente! Vieni con me; mi interessano i preti perché le loro maledizioni sono più forti”.
E poi inizia a ridere a non finire, per disturbare la preghiera.
Nel recitare le preghiere succede, dato l’impegno di tenere a bada il demonio, o per rispondere alle sue domande, di dire qualche parola non esatta, o di passare da un mistero doloroso ad uno glorioso. Subito mi dice:
Prete, hai sbagliato. Sì sì, hai sbagliato, te lo dico io: sono intelligentissimo, so tutto”.
E poi ride e sghignazza a lungo, sempre per disturbare la preghiera.


Un giorno il diavolo mi interrompe e mi dice: “Prete quelle preghiere lì non ci sono sul libretto; leggi quelle e non aggiungerne altre”. Ed era vero: avevo aggiunto qualche altra preghiera personalizzata alle esigenze del giovane e della sua fidanzata, ma a lui non piacevano perché contrarie al suo progetto.
È certo che non gli sfugge niente. Qualche volta mi dice: “Prete hai sbagliato; ed avevi sbagliato anche prima due volte, ma ho taciuto: sei un ignorante”. Ogni volta sottolinea un errore si diverte, sghignazza abbondantemente e riafferma: “Io sono intelligentissimo, tu sei un ignorante”.
Gli ricordo: “Ma non sei così intelligente come credi di essere! Nella scelta più importante e decisiva della tua esistenza hai sbagliato tutto, ti sei rovinato, sei stato maledetto e confinato all’inferno. Sai che mi dispiace sapere che soffri molto all’inferno e sulla terra tutti ti cacciano via. Se potessi fare qualcosa per liberarti verrei anche all’inferno, non per starci, ma per benedirti con l’acqua santa”.
Mi risponde: “Ah, sei un cretino! L’acqua santa all’inferno non può starci”, e giù una risata!
Sai perché non mi mandi via di qui? Perché non hai fede! È vero che hai paura di me? Io vado d’accordo con i preti che hanno paura ed possiedono poca fede”.
Gli dico: “Non posso dire che ho abbastanza fede: questo lo può dire solo Dio, ma mi sto dando da fare per crescerla, per averne abbastanza per mandarti via. Prego il Signore perché aumenti la mia fede”.
Arrabiato mi urla: “Prete, hai detto Messa oggi?
Con calma gli rispondo: “Ne ho dette tre”.
Sembrava aspettare che gli dicessi di no. Ci è rimase male, mortificato alla mia risposta: e non aggiunse una parola.

Una volta mi ha detto: “Pretucolo, non hai niente di meglio da fare? Perché vieni qui a perdere tempo? È mia quest’anima, mi hanno comandato di rimanere qui e la porterò con me”.
Gli rispondo: “Tu ascolterai il Signore, anche se ti dispiace”.
Con aria sprezzante mi risponde: “Io non gli ho mai ho obbedito e mai gli obbedirò”.
Gli dico: “Terminato il tempo che ti ha concesso, dovrai andartene. E così si compirà il disegno di Dio di aiutare alcune anime”.
Il demonio riprende: “Pretucolo, io sono il principe di questo mondo. Vedi quanti mi ascoltano, mi seguono. Prete, vieni anche tu con me?”.
Rispondo: “Finora ho combattuto la buona battaglia con il Signore. Vuoi che proprio ora gli volti le spalle? Povero fallito, non vedi che sei già vinto da Cristo, anche se tenti di strappargli le anime? Dimmi, ma sei proprio contento di avere disobbedito, o è una delle tue tante menzogne per ingannare?
Allora a quel punto sghignazzò per avere sempre disobbedito e si vantò delle tante menzogne pronunciate: sono un suo vanto, un suo orgoglio.
È proprio vero che sei il padre della menzogna!”.
E lui sghignazzò tutto soddisfatto come gli avessi detto bello, bravo, sei grande!
In un incontro di preghiere di liberazione poi gli dissi: “Sei un falso, sai solo ingannare e fare del male”.
Mi rispose: “Tu credi di offendermi; per me è un complimento”.
  

Saper affrontare il diavolo

Un giorno, durante l’esorcismo, il demonio dice: “La causa della possessione della giovane è dovuta alla fattura commissionata dalla zia”.
All’esorcismo è presente anche la zia e alla preghiera il demonio la addita. Mi viene l’ispirazione di contestare l’affermazione del demonio perché la ritengo falsa. Ordino al demonio: “Nel nome di Cristo, dì la verità”. Il demonio è costretto a dire la verità: “Sua zia non ha colpa. È stata una mia decisione”.
Essendo il demonio menzognero si può tenere in poco conto le sue affermazioni, ma si possono avere dei riscontri per scoprire, discernere il vero dal falso. Egli vuole portare gli uomini nel suo regno, che significa dannazione perché odia Dio e vuole strapparGli il maggior numero possibile di anime.
Ci confessò il motivo una volta: “Mi sono ribellato a Dio perché non tolleravo che Gesù e gli uomini fossero amati più di me”.
Il demonio usa non solo con me un vocabolario abbastanza fiorito, cattivo, volgare, ma anche contro Dio e la Madonna. Quando ricambio le sue offese, allora mi chiede di usargli rispetto. Gli rispondo: “Ho imparato da te ad offendere: tu mi insulti sempre con le parolacce”.
Il demonio allora tace e per un po’ di tempo cambia comportamento e vocaboli.
Altre volte è nervoso, scocciato per le preghiere, stanchissimo di soffrire, vorrebbe impormi di smettere, anche con minacce. Gli dico: “Ricordati che sono io qui incaricato a mandare via te, e non tu a dare ordini a me e mettermi a tacere”.
  

Limiti dell’intelligenza del demonio

Il demonio ci tiene molto a chiamarsi intelligentissimo e a chiamare gli altri ignoranti.
Ha il difetto dei politici: sono brave persone quelli della propria ideologia; tutti ignoranti che non capiscono niente quelli della corrente politica opposta.
Gli ricordo: “Non sei stato tanto intelligente quando hai disobbedito a Dio, rovinando la tua esistenza per sempre con una scelta sbagliata”.
Mi risponde: “Io non ho mai obbedito a nessuno e mai obbedirò. Mi diverto a fare il male e portar via le anime a Dio, a condurle nel nostro regno: è tutta la mia soddisfazione”.
A quel punto replico: “Ma non ti accorgi che Dio si serve di te per realizzare i suoi progetti? Tu, che dici di essere Lucifero, con i tuoi colleghi, non amici perché siete come cani e gatti, avete torturato la vita di P. Pio con le malattie misteriose, con le calunnie, le accuse, percotendolo nella sua cameretta, facendolo rinchiudere per due anni in cella per impedirgli di incontrare le anime. Che ci avete guadagnato? A guadagnarci è stato Dio e la missione di P. Pio. Ha guadagnato tanti meriti per salvare ancor più anime, per ottenere tante grazie da Dio, per diventare quel P. Pio che conosciamo”.
A questi discorsi il demonio non sa rispondere.
Cioè nelle grandi scelte il demonio non vede molto avanti, non sa valutare il bene o il meglio perché accecato dalla sua rabbia, invidia, odio. È incapace di un sano e completo giudizio. Dinanzi a simili riflessioni sfugge, dice di non sapere niente, o nega quello che ha già detto.
Quando gli faccio domande a cui non intende o non sa rispondere, mi dice: “Fatti gli affari tuoi: sei venuto qui per pregare, e prega”, cioè vuole sfuggire alla domanda.


Il demone Asmodeo contro i santi

Asmodeo usa delle strategie per impedire gli esorcismi che maggiormente lo fanno soffrire, perché non vuole andarsene, spesso deridendo le mie preghiere, i santi che invoco ed i segni liturgici.
Succede anche con i segni di croce. Mi dice: “Non hai ancora finito; ancora croci, quante croci ci sono! Che ne fai di tutte queste croci? Lui è morto 2000 anni fa; chi si ricorda di Lui?”.
Soffre molto all’invocazione di S. Leopoldo o di Giovanni Paolo II° . A riguardo di P. Pio, mi dice: “Lascialo stare, è morto, sono tanti che lo disturbano, che lo chiamano”.
Passo allora ad invocare S. Antonio di Padova: “Ah, questo ormai è vecchio”.
Allora invoco il Curato d’Ars: “Oh, questo sì è buono! Ma quanti ne vuoi tirar fuori. Non la finisci più; lasciali in pace”.
Anche se soffre, trova lo stesso il tempo per ironizzare, per fare dell’umorismo e scherzarvi sopra. “Lascia P. Pio a dormire, perché lo disturbi anche tu? Come vuoi che faccia ad ascoltare tutti, sono troppi quelli che lo cercano! Finché era in vita ci ha bastonati bene, ormai fa poco”.
Vedendo che avverte bene la presenza di P. Pio per le sofferenze che gli procura gli dico: “Hai visto che non dormiva, che è venuto; hai sentito come pesano le sue mani?”.
Commenta: “Purtroppo sì, mi ha fatto sentire le sue mani”.
Invoco ancora S. Antonio e lui mi ripete: “È troppo vecchio, non fa più niente. Una volta sì ha fatto molto”.
Ma sono ancora molti che vanno ad invocarlo”.
Si, fanno bla bla, ma non c’è fede. Passano davanti chiacchierando”. Vuol farmi capire che sono più turisti che devoti del Santo.
Alle invocazioni di S. Romualdo, S. Pio, S. Leopoldo soffre e si lamenta ancor di più.
Durante i segni di Croce per mandarlo via, mi dice che non ne può più, di lasciarlo stare. Aggiunge: “In fondo sono il più buono dei demoni”. Naturalmente mi dice questo per tentare di impietosirmi.
  

Padre Pio negli esorcismi. L’esperienza di Fra Benigno

Durante un esorcismo ad una ragazza posseduta, il diavolo fissa lo sguardo in un angolo sulla sinistra e arrabbiato dice: “Tu, cosa fai qui? Vattene!”. Più volte gli sputa contro ripetendogli: “Vattene!”.
Chiedo al demonio: “In nome di Gesù, dimmi chi c’è! Qualche santo è presente?”.
Padre Pio”, mi risponde.
E io guardandolo in faccia gli comando: “Dimmi che cosa ti sta dicendo?”.
Replicò: “Mi dice di andarmene”.
E allora obbedisci e vattene”. E in quel momento avvenne la liberazione.
In un esorcismo precedente sempre alla stessa ragazza, ricevetti un messaggio da parte di P. Pio.
A trasmetterlo fu proprio il demonio.
Lui stesso mi domanda: “Ti sei confessato”?
Gli chiedo: “Che cosa devo confessare?”.
Risponde: “Il peccato che hai fatto”.
Quale peccato?
Dice seccato: “Sei esorcista e non capisci niente”.
Allora replico: “Hai ragione, precisai, non capisco proprio nulla. Eppure il Signore si serve di me per liberare chi è posseduto da te”.
Riprese: “Vuoi fare l’esorcista, e commetti peccati! Vuoi fare e non sai fare niente!”.
Quale è il peccato che ho commesso? Te lo comando in nome di Gesù: dimmelo!”.
Disse: “Hai commesso un peccato di fede. Nell’ultimo esorcismo mi hai chiesto notizie su una persona. Queste cose tu non puoi chiederle a me. Le puoi chiedere soltanto al tuo Dio”.
Poi volge lo sguardo verso l’angolo della stanza e grida forte: “Gliel’ho detto! Gliel’ho detto! L’hai sentito? Gliel’ho detto!”.
Mi rivolgo quindi al demonio con autorità: “Ti comando nel nome di Gesù, dimmi con chi stai parlando”.
Con Padre Pio”, mi risponde.
In effetti avevo commesso peccato. Il Signore ci ha dato il potere di agire in suo nome su tutti i demoni: l’esorcista non può abdicare a tale potere.
Non può rivolgersi al demonio per chiedere un favore, come le informazioni su una persona, quasi sottomettendosi, avendo fiducia in lui e mancando di fede in Dio. Assomiglierebbe alle informazioni che si chiedono nelle sedute spiritiche.
E questo al demonio non può essere chiesto.




(da: venite ad me.org)

L’ESORCISMO DI ANNELIESE MICHEL E LE RIVELAZIONI DEL DEMONIO

La storia che stiamo per raccontarvi, nella sua ampia complicatezza, ci trasporta nella realtà più “buia” e profonda della possessione diabolica.
Questo caso tutt’oggi alimenta paure e incomprensioni arrivando a dividere aspramente persino i membri della Chiesa riguardo l’avvenuto, ma coloro i quali furono presenti agli esorcismi, prendendo nota di quanto il demonio rivelava sotto costrizione divina, hanno lasciato ai posteri una testimonianza che lascia spazio a pochi dubbi.
La vicenda di Anneliese Michel, ragazzina posseduta a causa dei peccati degli uomini di Chiesa e dei peccati del mondo, sconvolse l’opinione pubblica in maniera radicale ed ispirò per i decenni a venire numerosi libri e pellicole cinematografiche.
Ma cosa realmente avvenne? E perchè le rivelazioni del demonio furono pubblicate solo molti anni dopo la conclusione dell’esorcismo?

La storia

Anneliese Michel nacque in Germania il 21 settembre 1952, più precisamente nella cittadina bavarese di Leiblfing; crebbe in una famiglia cattolica di stampo tradizionalista ed i suoi genitori, Josef e Anna Michel, furono molto premurosi nel farle ricevere un’adeguata istruzione religiosa.
 

Anneliese in giovane età
Anneliese in giovane età
 
La sua fu un’adolescenza serena: Anneliese era una ragazza solare che amava trascorrere le giornate in compagnia o suonando l’accordion, frequentava la chiesa locale e leggeva spesso le Sacre Scritture.
Tuttavia, in termini di salute, non godeva di forma perfetta e già in adolescenza sviluppò una malattia polmonare, motivo per il quale venne curata in un sanatorio per i malati di tubercolosi a Mittelberg.
Dopo il suo rilascio continuò a studiare in un liceo di Aschaffenburg, ma ben presto diverse convulsioni attribuite successivamente ad una rara forma d’epilessia la costrinsero di nuovo ad interrompere il corso di studi. Le convulsioni erano talmente violente che Anneliese divenne incapace di formare un discorso coerente ed aveva difficoltà a camminare senza assistenza.
Durante i numerosi ricoveri, secondo quanto testimoniato dai dottori, la ragazza passava il tempo pregando costantemente e dedicandosi a rafforzare la sua fede e il suo rapporto spirituale con Dio.
Probabilmente fu proprio in quei giorni che Annaliese sviluppò il desiderio di divenire catechista.
Nell’autunno del 1968, poco prima del suo sedicesimo compleanno, la madre notò che alcune parti del corpo di sua figlia erano cresciute in maniera innaturale, specialmente le mani – il tutto senza alcun motivo spiegabile.
Allo stesso tempo, Anneliese iniziò a comportarsi inconsuetamente.
 


I primi sintomi che lasciavano intuire un’influenza malefica dietro alle più comuni malattie si manifestarono nel corso d’un pellegrinaggio: durante il viaggio in pullman iniziò, tra lo stupore dei presenti, a parlare con voce maschile molto profonda. Quando, successivamente, i pellegrini raggiunsero il santuario, la ragazza inizò ad urlare numerose maledizioni.
Durante la notte, la ragazza rimaneva paralizzata sul letto, senza riuscir a dire una sola parola: le sembrava d’esser sopraffatta da una forza sovraumana che la opprimeva, la incatenava, cercava di soffocarla.
Padre Renz, il sacerdote che la accompagnò in viaggio e che sarà poi colui che la esorcizzerà, riferì successivamente che Anneliese spesso veniva come strattonata da una “potenza” invisibile che la faceva roteare, sbattere contro muri e cadere a terra con molta violenza.

Verso la fine del 1973 i genitori, constatando la totale inefficacia delle cure mediche ed avendo il sospetto che si trattasse di possessione, si rivolsero al Vescovo locale affinchè autorizzasse un esorcista ad occuparsi di Anneliese.
La richiesta venne in un primo momento respinta, e lo stesso Vescovo invitò ad insistere con più approfonditi trattamenti medici.

Tuttavia la situazione, nonostante il sottoporre la ragazza ai più importanti specialisti, degenerò ancor di più: dopo aver constatato che Anneliese nutriva una forte avversione per tutti gli oggetti religiosi, esibiva una forza fuori dal comune e sempre più spesso parlava in lingue arcaiche (aramaico, latino e greco antico), nel settembre del 1975 il Vescovo di Würzburg
Josef Stangl decise di permettere a due sacerdoti – Padre Ernst Alt e Padre Arnold Renz – d’esorcizzare Anneliese Michel secondo il Rituale Romanum del 1614.
I due sacerdoti, convocati dunque a Klingenberg, programmarono un cammino faticoso e intenso per l’esorcismo.
Durante il primo tentativo, eseguito rigorosamente secondo il rituale latino, i demoni a sopresa iniziarono a parlare senza che fosse posta loro alcuna domanda: Padre Ernst colse l’occasione per tentare di conoscere il nome di questi spiriti maligni che opprimevano il corpo e la mente della povera fanciulla.
Essi si presentarono con i nomi di Lucifero, Giuda, Hitler, Nerone, Caino e Fleischmann (un religioso tedesco dannato appartenente al XVII secolo).


Le grandi sofferenze che Annaliese era costretta a sopportare rapidamente ebbero un’escalation, accompagnate dall’acutizzarsi delle manifestazioni diaboliche.
Come riporterà Padre Roth (uno degli esorcisti che si affiancarono successivamente), gli occhi della ragazza erano divenuti completamente neri, aggrediva con terribile furia i propri fratelli, spezzava qualsiasi Rosario le se porgesse, si nutriva di scarafaggi e ragni, si strappava i vestiti, si arrampicava sui muri ed emetteva suoni mostruosi.
Il suo viso e la testa erano pieni di lividi; il colore della pelle variava dal pallido al violaceo.
I suoi occhi erano così gonfi che riusciva a malapena a vedere; i denti erano rotti e scheggiati dai suoi molteplici tentativi di mordere o mangiare le pareti della sua stanza. Il suo corpo divenne talmente tanto danneggiato che era difficile riconoscerla fisicamente.
La ragazza, con il trascorrere del tempo, smise di cibarsi di qualunque altra sostanza all’infuori della Santa Eucaristia.


Nonostante questa pesantissima croce, Anneliese Michel nei pochi momenti in cui aveva il controllo del proprio corpo offriva di continuo sacrifici al Signore in espiazione dei peccati: arrivò persino a dormire su un letto di pietre o sul pavimento in pieno inverno come penitenza per i sacerdoti ribelli ed i drogati.

Tutto ciò, come confermato dalla madre e dal fidanzato, fu chiesto espressamente dalla Vergine Maria, la quale apparve alla ragazza mesi prima.
 

LA RICHIESTA DELLA MADONNA



Una domenica Anneliese e Peter, il fidanzato, avevano deciso di andare a fare una passeggiata in una zona lontana da casa.
Recatisi sul posto, le condizioni della ragazza peggiorarono improvvisamente e smise di camminare, tale era il dolore: proprio in quel momento Maria, la Madre di Dio, le apparve.
Il fidanzato assistette incredulo al miracolo che gli si stava compiendo dinnanzi: Annaliese era divenuta raggiante, il dolore scomparso e la ragazza era in estasi. Ella affermava che la Vergine stava camminando con loro ed aveva chiesto:


 
Il mio cuore soffre molto perché tante anime vanno all’inferno. È necessario fare penitenza per i sacerdoti, per i giovani e per il vostro paese. Vuoi fare penitenza per queste anime, in modo che tutte queste persone non vadano all’inferno?

Anneliese decise d’accettare, non del tutto conscia di quali e quante sofferenze avrebbe patito negli ultimi anni della sua vita.
Il fidanzato, tutt’oggi sconvolto per quanto accaduto, successivamente affermerà che in Annaliese ha visto il Cristo Sofferente, ha visto l’Innocente che volontariamente si sacrifica per salvare gli altri.
  

La morte, le stimmate e l’insabbiamento

Attorno alla fine del 1975 Padre Renz e Padre Alt, stupiti per la gravità della possessione, riuscirono ad ottenere i primi risultati scacciando alcuni dei diavoli: essi riferirono che la Vergine Maria aveva promesso d’intervenire per espellerli, seppur non tutti.
Questo particolare fu ancor più evidente quando sia Fleischmann che Lucifero, prima d’uscire dal corpo della ragazza, furono costretti a recitare l’incipit dell’Ave Maria.
Tuttavia i rimanenti, incitati più volte ad uscire dai sacerdoti, dissero: “Vogliamo andarcene, ma non possiamo!“.
La croce che Anneliese Michel accettò di portare era destinata ad accompagnarla sino al termine estremo della vita.
Dopo 10 mesi e 65 esorcismi, il primo giorno di luglio del 1976 Anneliese, come aveva predetto nelle sue lettere, morì come martire a soli 24 anni, stremata dalle precarie condizione fisiche.
L’autopsia sul corpo riscontrò la presenta delle Stimmate, un ulteriore segno della sua personale sofferenza per la redenzione delle anime.


Il clamore che scatenò questa vicenda fu tale che la magistratura decise d’indagare i genitori, il parroco e l’altro prete per omicidio colposo: il processo si concluse con la condanna a 6 mesi di reclusione per negligenza.
Questo nonostante le numerose testimonianze che attestavano l’impossibilità di nutrire Anneliese, la quale da tempo non riusciva ad ingerire altro cibo se non l’Eucaristia domenicale.
Alcuni esponenti della Chiesa richiesero alla Santa Sede addirittura di rimuovere totalmente la figura dell’esorcista ed il rituale dell’esorcismo, poichè credevano che tale pratica gettasse in cattiva luce il Cristianesimo. Questa richiesta, fortunatamente, fu ignorata dall’allora
Papa Paolo VI.
Furono proprio le numerose controversie all’interno della Chiesa a costringere le autorità religiose a sequestrare tutto il materiale – registrazioni audio ed appunti – raccolto dai testimoni della vicenda.
Il “taboo” sul caso di Anneliese Michel durò per ben tre decadi, ovvero sino al quel giorno del 1997 nel quale le rivelazioni dei demoni che possedevano la ragazza vennero raccolte e pubblicate, rendendole disponibili per il grande pubblico.

 
Padre, non ho mai pensato che sarebbe stato così spaventoso. Ho voluto soffrire per altre persone di modo che non finiscano all’inferno. Ma non avrei mai pensato che sarebbe stato così spaventoso, così orribile. A volte, si pensa, “soffrire è una cosa facile!”…ma diventa davvero difficile che non si riesce a fare neppure un singolo passo…è impossibile immaginare come possano forzare un essere umano. Non hai più alcun controllo su te stesso.
(Annaliese Michel, rivolgendosi a Padre Renz)

Le rivelazioni del demonio


● “Sapete perché combatto così tanto io? Perché io fu precipitato proprio a causa degli uomini.

● “Io, Lucifero, ero in cielo, nel coro di Michele.” L’esorcista: “Ma tu potresti essere tra i Cherubini!” Risposta: “Si, io ero anche questo.

● “Giuda me lo sono preso io! Lui è dannato. Quello si poteva salvare, ma non ha voluto seguire il Nazareno.

● “I nemici della Chiesa sono nostri amici!

● “Da noi non c’è ritorno! L’inferno è per tutta l’eternità! Nessuno torna indietro! Qui non c’è amore, c’è solo odio, combattiamo sempre, ci combattiamo l’un l’altro.

● “Gli uomini sono così bestialmente stupidi! Credono che dopo la morte sia finito tutto.

● “In questo secolo ci saranno tanti Santi, come non ce ne sono mai stati. Ma anche tanta gente viene da noi.

● “Contro di voi ci scagliamo e potremmo ancora di più, se non fossimo legati. Noi possiamo solo fino a dove arrivano le catene.

● L’esorcista: “Tu sei il colpevole di tutte le eresie!” Risposta: “Si, e ne ho ancora tante da creare.”

● “La talare ormai non la indossa più nessuno. Questi modernisti della Chiesa sono opera mia e mi appartengono tutti ormai.

● “Quello laggiù (il Papa), quello solo tiene in piedi la Chiesa. Gli altri non lo seguono.

● “Tutti adesso tirano fuori le zampe per prendere la Comunione e neanche si inginocchiano più! Ah! Opera mia!

● “Di noi quasi nessuno parla più, neppure i sacerdoti.

● “L’altare rivolto verso i fedeli è stata idea nostra…sono tutti corsi dietro agli Evangelici come meretrici! I Cattolici hanno la vera dottrina e corrono dietro ai Protestanti!

● “Per ordine dell’Alta Dama devo dire che si deve pregare di più lo Spirito Santo. Voi dovete pregare molto, perché i castighi sono vicini.

● “L’enciclica Humanae Vitae è importantissima! E nessun prete può sposarsi, egli è sacerdote in eterno.

● “Ovunque venga votata una legge a favore dell’aborto, tutto l’inferno è presente!

● “L’aborto è omicidio, sempre e comunque. L’anima negli embrioni non arriva alla visione beatifica di Dio, arriva lassù in Cielo (si tratta del Limbo), ma anche i bambini non nati possono essere battezzati.

● “Peccato che il Sinodo (Concilio Vaticano II) sia finito, ci ha rallegrato moltissimo!” 


● “Tante Ostie vengono profanate perchè vengono date sulle mani. Non si rendono nemmeno conto!

● “Il nuovo catechismo olandese l’ho scritto io! È tutto falsificato!” (NOTA: il demonio fa riferimento alla congregazione che eliminò i riferimenti alla Trinità e all’Inferno nel catechismo dei Paesi Bassi).

● “Voi avete il potere di scacciarci, ma non lo fate più! Non ci credete neppure!

● “Se aveste idea di quanto è potente il Rosario…è fortissimo contro Satana…non voglio dirlo, ma sono costretto.




(da:veniteadme.org)

giovedì 1 dicembre 2011

DEVOZIONE A GESU’ NEL GETHSEMANI



Le promesse di Gesù:



Dal mio Cuore sempre partono voci di amore che in­vadono le anime, le scaldano e, a volte, le bruciano. E' la voce del Cuore mio che si propaga e raggiunge anche quelli che non vogliono sentirmi e che, perciò, non si accorgono di me. Ma a tutti parlo interiormente, a tutti mando la mia voce, perché tutti amo. Chi conosce la legge dell'amore non si meraviglia se Io insisto a dire che non posso non pic­chiare alle porte di quelli che mi resistono e che il rifiuto che spesso ne ottengo mi costringe - per così dire - a ripete­re il richiamo, l'invito, l'offerta. Ora, queste mie voci tutte calde d'amore, che partono dal Cuore mio, che altro sono se non l'amorosa volontà di un Dio amante che vuole salvare? Ma so assai bene che i miei inviti disinteressati non giovano a tanti e che i pochi che li accettano devono anche essi fare notevoli sforzi per accogliermi. Ebbene voglio dimostrarmi generoso (quasi che finora non lo fossi stato) e lo fo dandovi una preziosa gemma dell'amore mio per testimonianza dell'affetto sin­cero che Io nutro per tutti. Così, ho deciso di aprire una di­ga per lasciar passare il fiume di grazia che il mio cuore non può contenere più. Ed ecco cosa offro a tutti in cambio di un pò d'amore:

Re­missione di tutte le colpe e certezza di salvezza in punto di morte a chi pensa, una volta al giorno, almeno, alle pene che provai nell'Orto del Gethsemani;
Contrizione perfetta e du­ratura a chi faccia celebrare una Messa in onore di quelle stesse pene;
Riuscita nelle faccende spirituali a coloro che inculcheranno agli altri l'amore alle pene dolorosissime del mio Gethsemani.
Infine, per dimostravi che voglio proprio rompere una diga del mio Cuore e darvi un fiume di grazia, Io prometto a chi si farà promotore della devozione al mio Gethsemani queste altre tre cose:
1) Vittoria completa e defini­tiva nella maggiore tentazione cui è soggetto;
2) Potere diretto di liberare anime dal Purgatorio;
3) Grande luce per compiere la mia volontà.
Tutti questi doni miei Io farò con certezza a quelli che faranno le cose che ho dette, con amore e compassione per la mia spaventosa agonia del Gethsemani.

(agosto del 1963)

PREGHIERA A GESU' AGONIZZANTE NEL GETHSEMANI

O Gesù, che nell'eccesso del tuo amore e per vincere la durezza dei nostri cuori, doni tante grazie a chi medita e propaga la devozione della tua SS. Passione del Gethsemani, ti prego di vo­ler disporre il cuore e l'anima mia a pensare spes­so alla tua amarissima Agonia nell'Orto, per compatirti e unirmi a te il più possibile. Gesù benedetto, che sopportasti in quella notte il peso di tutte le nostre colpe e che per esse hai pagato completamente, fammi il grandissimo dono di una perfetta contrizione per le mie nu­merose colpe che ti fecero sudare sangue. Gesù benedetto, per la tua fortissima lotta del Gethsemani, dammi di poter riportare com­pleta e definitiva vittoria nelle tentazioni e spe­cialmente in quella cui vado maggiormente sog­getto. O Gesù appassionato, per le ansie, i timori e le sconosciute ma intensissime pene che hai sof­ferto nella notte in cui fosti tradito, dammi una grande luce per compiere la tua volontà e fammi pensare e ripensare all'enorme sforzo e alla impressionante lotta che vittoriosamente sostenesti per fare non la tua ma la volontà del Padre. Sii benedetto, o Gesù, per l'agonia e le lacri­me che versasti in quella notte santissima. Sii be­nedetto, o Gesù, per il sudore di sangue che ave­sti e per le angoscie mortali che provasti nella più agghiacciante solitudine che mai uomo potrà concepire. Sii benedetto, o Gesù dolcissimo ma immensamente amareggiato, per la preghiera umanissima e divinissima che sgorgò dal tuo Cuore agonizzante nella notte dell'ingratitudine e del tradimento. Eterno Padre, ti offro tutte le Sante Messe passate, presenti e future unito a Gesù agoniz­zante nell'Orto degli ulivi. Santissima Trinità, fa che si diffonda nel mondo la conoscenza e l'amore per la SS. Passio­ne del Gethsemani. Fà, o Gesù, che tutti coloro che ti amano, vedendoti crocifisso, ricordino anche le inaudite pene tue nell'Orto e, seguendo il tuo esempio, imparino a ben pregare, combattere e vincere per poterti poi glorificare eternamente in cielo. Cosi sia.

23.XI.1963
Con approvazione ecclesiastica + Macario, Vescovo di Fabriano

PAROLE DI GESU'

Nel Gethsemani conobbi i peccati di tutti gli uomi­ni. Fui fatto quindi: ladro, assassino, adultero, bugiardo, sacrilego, bestemmiatore, calunniatore e ribelle al Padre che invece ho sempre amato. Io, puro, ho risposto al Padre come se fossi macchiato di tutte le impurità. Ed in questo, appunto è consistito il Mio su­dare sangue: nel contrasto del Mio amore per il Padre e la Sua volontà che voleva addossarmi tutto il marciume dei Miei fratelli. Ma ho obbedito, sino alla fine ho obbedito e per amo­re di tutti mi sono ricoperto di ogni macchia, pur di fare il volere di Mio Padre e salvarvi dalla perdizione eterna. Nessuno crederà che molto più soffrii allora anziché sulla Croce, pur tanto e tanto dolorosa, perché chiaramente ed insistentemente Mi fu mostrato che i peccati di tutti erano fatti Miei ed Io dovevo risponderne per ciascuno. Sicché Io, innocente, ho risposto al Padre come se fos­si veramente colpevole di disonestà. Considera, perciò, quante agonie più che mortali ho avuto in quella notte e, credimi, nessuno poteva alleggerir­mi di tali spasimi, perché, anzi, vedevo che ognuno di voi si è adoperato per rendermi crudelissima la morte che ad ogni attimo Mi veniva data per le offese di cui ho pagato in­teramente il riscatto. Più di quanto l'uomo può capire ed oltre ogni immagi­nazione, provai in Me stesso abbandono, dolore e morte. Nessuna grandezza maggiore potete attribuirmi che questa: essere divenuto centro, bersaglio di tutte le colpe vo­stre. Immensamente conobbi il peso delle offese che al Pa­dre Mio furono e sarebbero state fatte. La Mia Divinità, avendo preso per suo proprio stru­mento la Mia Umanità, Mi partecipava la bruttezza che na­sconde la ribellione e la conseguente disubbidienza, tra­sformando il tutto in gemiti e martirii nell'Anima e nel Corpo. Ma un solo istante sarebbe bastato, un solo Mio sospi­ro avrebbe potuto operare la Redenzione per la quale ero stato inviato; eppure moltiplicai questi sospiri, prolungai il Mio vivere quaggiù, perché Sapienza e Amore così volevano. Giunto, però, alla fine volli come intensificare in Me stesso ogni genere di patimenti: vidi tutto ciò che dovevo redimere e che tutto Mi era addossato come cose Mie. Fù lì, nell'Orto, il culmine del dolore e Uomo quale Io volli essere, fui atterrato, sopraffatto, fisicamente distrutto. Venne l'Angelo Mio e mi ristorò mostrandomi le pene che altre Mie creature fedeli avrebbero sofferto per questo Mio soffrire; non gloria Mi fu mostrata ma amore, compas­sione, unione. Ecco come ripresi animo, ecco come diedi a Me stesso sollievo e forza. Pianto e lotta, sangue e vittoria, ho portato agli uomi­ni, ingrati ed immemori, per quella notte di grande scon­forto. Fu notte di redenzione, in cui Mi sostituii ad ogni pecca­tore e ne presi ogni colpa, ma, oltre a ciò volli racchiudere an­che le pene tutte degli uomini e soffrirne intensamente. Miei cari, il Gethsemani è un mare senza confini, un oceano in carità nel quale ogni persona, ogni colpa, ogni dolore venne sommerso ed Io sentii realmente: non in via immaginaria, tutta la gravezza che nel mondo sarebbe di­scesa. Amore per il Padre, amore per gli uomini, Mi fecero vit­tima volontaria. Se uno di voi avesse potuto vederMi, sarebbe morto di spavento per il solo aspetto fisico che avevo preso. Poiché non trattavasi di un solo tipo di pena, non si trat­tava di un solo anelito, ma di mille, milioni di aneliti tutti compressi in Me. Io fui capace di abbracciare ogni vostra colpa e tutte le vostre sofferenze. Io solo sono stato capace di sentire, dico sentire, tutte le vostre pene, perché Io ero voi e voi eravate Me. Notte di tragedia, notte oscura per la Mia Anima che inoltravasi titubante fra gli ulivi del Gethsemani. Il Padre Mi preparava l'Altare sul quale Io, Sua Vitti­ma, dovevo essere Immolato. Io dovevo prendere le colpe degli altri e Colui che Mi aveva mandato, attendeva quella notte per dare agli uomini la misura del Suo Amore, col sacrificio totale di Me, Suo Fi­glio e Sua Prima Creatura. Laggiù fra gli ulivi del Gethsemani, il peccato degli uo­mini ebbe sconfitta definitiva perché fu in quel luogo che Io Mi Immolai e vinsi. E' vero che sarebbe bastato un solo sospiro nel mondo per dar redenzione a tutti, ma è anche vero che un'opera è completa quando raggiunge il culmine voluto, come dire che, essendo stabilito che Io pagassi per tutti sottoponen­domi alle umiliazioni della Passione, soltanto con la Im­molazione potevasi raggiungere lo scopo voluto dal Padre. Difatti, il merito fu infinito in Me, qualsiasi cosa Io fa­cessi, tuttavia la volontà Divina voleva la Mia umiliazione sotto la Sua potente mano, a titolo di completamento della Sua e Mia opera: perciò col Gethsemani si adempì la prima parte di tale volontà e la parte principalissima. Lentamente, quasi privo di forze, ero giunto ai piedi di quell'altare sul quale il Mio Sacrificio stava per iniziarsi e consumarsi. Che notte fu quella! Quale angoscia, nel Mio cuore, al pensiero, alla visione terrificante dei peccati degli uomini! Ero la Luce e non vedevo che tenebre; ero il Fuoco e non sentivo che gelo; ero l'Amore e non sentivo che il disamore; ero il Bene e non sentivo che il male; ero la Gioia e non avevo che tristezza, ero Dio e Mi vedevo un verme, ero il Cristo, l'Unto del Padre e Mi vedevo lordo e ributtante, ero la Dol­cezza e non sentivo che amarezza; ero il Giudice e subivo la condanna, la vostra condanna; ero il Santo, ma venivo tratta­to come il massimo peccatore; ero Gesù, ma sentivo chiamar­Mi soltanto con nomi di vitupero da satana; ero la vittima vo­lontaria, però la Mia stessa natura umana Mi faceva sentire tremore e debolezza e chiedeva l'allontanamento di tutta la sofferenza in cui trovavasi; si, ero l'Uomo di tutti i dolori cui era sfuggita la gioia della donazione di Me stesso che avevo fatto con trasporto tutto Divino. E tutte queste cose, perché? Ve l'ho già detto: Io ero voi, perché voi dovete divenire Me. La Mia Passione… Oh! che abisso di amarezze ha rac­chiuso! E come è lontano chi crede di conoscerla soltanto per­ché pensa alle sofferenze del Mio Corpo! Guardate al Gethsemani, guardatemi disfatto nell'Or­to e unitevi a Me! Torno oggi a voi per ricordarvi di guardare bene il Mio viso triste, di considerare meglio il Mio sudore di Sangue. Non vi interessa molto questa Passione sconosciuta? Non vi pare che merito più considerazione, migliore atten­zione? Anime Mie care! Tornate al Gethsemani, tornate con Me nel buio, nel dolore, nella compassione, nell'amore doloroso! E tu, come ti trovi ora? Intendi, dunque, che ti faccio simile a Me? Posa anche tu le tue ginocchia sulla terra del tuo sacri­ficio e dì con Me: Padre, se è possibile, allontana da me questo calice: pe­rò non si faccia la mia, ma la Tua volontà. E quando avrai detto con intima convinzione "fiat", allora cesserà tutto e sarai rinnovato nel Mio Amore. Guardate al Gethsemani, guardatemi disfatto, nell'Orto e unitevi a Me! Quanto a Me il soffrire che fu, ora Mi sarà dolcissimo se vi metterete nella considerazione delle Mie pene. Non teme­te di entrare con Me nel Gethsemani: Entrate e vedete. Se, poi, vi parteciperò sensibili ango­sce e solitudini, ritenetele Miei veri doni e non vi smarrite, ma con Me dite: Padre, non la mia volontà, ma la Tua si faccia! Pregatemi, perché voglio sia conosciuto come ho amato tutti voi in quell'ora di abbandono e di tristezza sen­za nome.

(dal libro: Anonimo del XX secolo - Parole di cielo - in 3 volumi - 7 ediz.)
Per richieste di libri e di pagelline da diffondere: tel. 0721/860753
Casella postale 28 - 61032 FANO (PS)

(da: preghiereagesuemaria)